Trasporto a Settentrione
26 Febbraio 2013
Nuovo Pneumatico
6 Marzo 2013

Verde Sbiadito

Le auto non ecologiche in circolazione nel nostro paese sono il 93,4% del parco circolante totale. Secondo un’elaborazione di Federpneus (Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di Pneumatici) su dati Aci, sono 34.648.058 le auto a benzina o a gasolio che circolano in Italia, su un parco totale composto da 37.107.223 auto. 
Le auto ecologiche (e cioè alimentate a metano, a gpl o elettriche) in circolazione nel nostro paese sono 2.459.165, che corrispondono al 6,63% del parco.

Se si considerano i dati regionali emerge che la regione in cui la percentuale di auto ecologiche è maggiore è l’Emilia Romagna (15,55%), seguita da Marche (14,09%) e Veneto (9,08%). 
Dall’elaborazione fornita da Federpneus si evince inoltre che le auto alimentate a gpl in Italia sono 1.776.255 (il 4,78% del parco circolante), quelle a metano sono 680.994 (l’1,84% del parco circolante) e quelle elettriche sono 1.916 (lo 0,01% del parco circolante). 
Si tratta, come è evidente, di quote marginali del parco circolante, che risulta ancora composto per la grande maggioranza da auto alimentate in maniera tradizionale e quindi potenzialmente più inquinanti di quelle alimentate con carburanti alternativi. 
Dal momento che appare improbabile che la percentuale di auto verdi possa crescere in maniera sostanziale a breve termine, è importante sapere che è possibile, tramite semplici accorgimenti, rendere il parco circolante più ecocompatibile. A questo proposito non tutti sanno che un ruolo fondamentale è giocato dai pneumatici, che hanno anche un’influenza decisiva sulla sicurezza della circolazione. Importante il controllo della pressione di gonfiaggio; una pressione dei pneumatici troppo bassa, infatti, provoca una maggiore resistenza al rotolamento che comporta un maggior consumo di carburante e un conseguente aumento delle emissioni di CO2 nell’atmosfera (oltre ad una rapida ed irregolare usura del battistrada). La pressione corretta è quella indicata dal costruttore nel libretto di uso e manutenzione del veicolo. 
Pneumatici gonfiati alla giusta pressione, quindi, possono contribuire in maniera decisiva a ridurre i consumi e quindi la spesa per il carburante ed allo stesso tempo a diminuire anche le emissioni di CO2 dell’auto su cui sono montati.

Comments are closed.